top of page

COME INCLUDERE PROBIOTICI NELLA TUA DIETA!

Aggiornamento: 11 gen 2023

Avete tutti sentito parlare con entusiasmo di probiotici e siete pronti anche voi a migliorare la salute del vostro intestino?

Siete nel posto giusto, perché noi siamo davvero fan sfegatati dei probiotici perché sono davvero un ottimo modo per iniziare a prendersi cura della propria salute e del proprio benessere.


Sappiamo già che ve lo state chiedendo: “come possiamo introdurre più probiotici nella nostra dieta?” In realtà la risposta è abbastanza semplice: bisogna mangiare cibi e bevande fermentate o prendere degli integratori che abbiano probiotici al loro interno e, naturalmente, mantenere una dieta varia ed equilibrata.

Prima di proseguire, facciamo un piccolo ripasso del ruolo dei probiotici per la nostra salute..


Cosa fanno i probiotici?

All’interno delle nostre pance (in realtà dei nostri intestini, ma è più bello dire pancia :) ), c’è un mondo popolatissimo: una comunità di più di 100 triliardi di microrganismi che fanno molto di più che digerire. L’intestino, infatti, ha un ruolo centrale anche nella regolazione dell’umore, dell’energia e delle risposte immunitarie. Tutto questo duro lavoro è svolto quotidianamente dal nostro intestino, che però ha bisogno del nostro supporto. Uno dei modi migliori per farlo è nutrendo tutti quei microrganismi di probiotici. I probiotici sono degli organismi viventi molto simili a quelli che già vivono all’interno del nostro intestino e per questo motivo sono sempre i benvenuti. Per prenderci cura di noi possiamo nutrirci di cibi e bevande ricchi di questi esserini per rimpinguare regolarmente i diversi tipi di probiotici presenti e per sentirci sempre al meglio.

Il benessere dell’intestino aiuta a sentirci meglio, non solo per quanto riguarda la digestione. Se il nostro intestino non sta bene, infatti, il nostro corpo ne risente in generale, dal sistema cardiovascolare al sistema immunitario.


Quali cibi hanno probiotici?

Un modo straordinario per aggiungere probiotici nella nostra dieta e far felice il nostro intestino è quello di incorporare cibi fermentati. Sono infatti una risorsa naturale di alcuni probiotici e altri composti benefici unici che si sviluppano durante il processo di fermentazione.

La fermentazione è una delle modalità più antiche per preservare il cibo più a lungo e in modo tale che non sviluppi nessun agente patogeno potenzialmente nocivo. Tutti i cibi che fanno una “fermentazione lattica” creano un ambiente dove i batteri mangiano lo zucchero e gli amidi, producendo acido lattico. Questo processo permette di conservare il cibo e le sue qualità e produce anche enzimi benefici, vitamina B e aminoacidi. L’ambiente che si crea durante la fermentazione permette anche ai batteri di stare molto bene, e tra loro, l’avete indovinato, ci sono anche i nostri amici probiotici.


Cosa si intende quando si parla di “cibi fermentati”?


Kombucha: Antico Tonico Orientale

La kombucha è un antico tonico orientale, che nasce dalla fermentazione di tè zuccherato grazie alla presenza di uno SCOBY (acronimo dall’inglese: Symbiotic Colture of Bacteria and Yeast). Ha un gusto agrodolce ed è leggermente frizzante (il grado di bollicine dipende molto dalla presenza di frutta o altri zuccheri durante il processo di seconda fermentazione). La kombucha è il luogo ideale per lo sviluppo di batteri e lieviti buoni, è ricca di probiotici e di aminoacidi. È davvero una bevanda unica perché, assieme a tutti i benefici per la nostra salute, è anche molto buona!




Noi di Legend Kombucha cerchiamo di produrre la migliore kombucha possibile, in modo artigianale e con ingredienti 100% biologici.


Yogurt


Probabilmente tutti noi mangiamo lo yogurt alla mattina o a merenda e non sappiamo davvero quali siano i suoi benefici per la nostra salute intestinale. Questo cibo è infatti molto popolare ed è un prodotto fermentato facilmente reperibile. In media, in uno yogurt, ci sono tra 90 e 500 miliardi di colonie di microrganismi probiotici. Bisogna tenere conto, ovviamente, che il numero e il tipo di batteri buoni può cambiare in base al tipo di yogurt e al brand produttore. Vi consigliamo di leggere sempre bene l’etichetta per essere sicuri che ci siano “fermenti vivi” e che non siano stati aggiunti ingredienti sospetti!



Sauerkraut (crauti fermentati e in generale verdure fermentate)

Il sauerkraut è un’ottima aggiunta ad un piatto salato. Il sauerkraut è generalmente cavolo cappuccio fermentato, originario della Cina settentrionale e diventato poi molto famoso in Europa grazie alle migrazioni avvenute nel corso dei secoli. Questo vegetale fermentato è un modo gustoso per integrare un po’ di cibi fermentati nella nostra dieta e di nutrire la nostra “pancia” con probiotici buoni che arrivano proprio grazie alla fermentazione.


Per inserirli in più pasti possibili, dobbiamo essere creativi! Una buona idea è metterli all’interno di un burger o di un toast al formaggio, oppure in un’insalata fresca e ricca di sapore. Possiamo anche servirli come contorno agli altri piatti per assicurarci la nostra dose quotidiana di probiotici!



La varietà conta

Quando mangiamo cibi e beviamo bevande ricchi di probiotici, siamo già un passo avanti. Ma è anche importante ricordare l’importanza della varietà. Se ci assicuriamo di variare i tipi di cibi fermentati (e non) che assumiamo nella nostra dieta abbiamo molte più possibilità di avere benefici dai probiotici, permettendo al nostro corpo di essere esposto a diverse catene di batteri buoni. Non preoccupatevi, non è difficile, basta scegliere ogni giorno qualcosa di diverso e nuovo oppure continuare a ruotare i nostri cibi fermentati preferiti. E poi, una Legend Kombucha al giorno è un’ottima scusa per assicurarci la varietà.


È anche importante ricordare che, per quanto riguarda i cibi e le bevande fermentati, ci sono moltissime opzioni e ognuno deve consumare quello che più apprezza e che lo fa stare bene. Il miglior modo per integrare cibi e bevande ricchi di probiotici nella nostra dieta è quello che funziona di più con i nostri gusti, i nostri impegni e le nostre possibilità.

Anche il miglior momento per assumere cibi e bevande ricchi di probiotici dipende completamente da noi. Ci sentiamo di consigliare di provare ad avere un cibo o una bevanda fermentata ad ogni pasto, così da assicurarci benessere e varietà. Un esempio? Yogurt o kefir a colazione, una kombucha a pranzo e un po’ di sauerkraut a cena!


Cosa mangiare assieme ai probiotici?

I prebiotici sono il cibo per i probiotici e per i batteri buoni naturalmente presenti nel nostro intestino. Ovviamente, non vogliamo che i probiotici soffrano la fame perché il loro benessere garantisce il nostro! I prebiotici sono fibre vegetali specializzate che stimolano la crescita di batteri buoni…in poche parole, il loro cibo ideale!


Possiamo nutrire i probiotici presenti nel nostro intestino e tutti gli altri batteri buoni mangiando cibi ricchi di prebiotici, come frutta e verdura.



Se si mantiene una dieta bilanciata, probabilmente si riesce ad ottenere una buona dose di probiotici quotidianamente. Ma abbiamo qualche suggerimento: provate a mangiare lo yogurt assieme ad una banana, preparatevi un po’ di porridge e alla mattina aggiungete della frutta fresca e cercate di mangiare sempre un po’ di verdura durante gli altri pasti principali.


Il potere dei probiotici

Se vi sentite un po’ giù, deboli e stanchi, è probabile che sia il vostro intestino che sta cercando di comunicare qualcosa. Seguite la vostra pancia e cercate i migliori cibi e le migliori bevande fermentate ricchi di probiotici e che si sposano meglio con il vostro stile di vita.

Noi di Legend Kombucha abbiamo a cuore la salute di tutti e cerchiamo di creare un tonico buono ma che ci fa anche molto bene. Che si prende cura del nostro intestino senza sembrare una medicina.











402 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page